i gatti alati In evidenza

Scritto da 

Immagino che la foto di copertina susciterà nei lettori un mix di curiosità e di orrore, eppure la vicenda è davvero bizzarra, e merita di essere segnalata.


Sembra - vi riferisco le notizie con tutte le precauzioni del caso - che nella provincia cinese del Sichuan siano sbucati fuori negli ultimi tempi stranissimi esemplari di gatti, che presentano due assai curiose protuberanze sulla loro schiena, paragonabili ad ali di uccelli
La notizia sarebbe da ridere, se non fosse riportata da organi di informazione autorevoli come 'Shangaiist.com' e il quotidiano inglese 'The Telegraph', e corredata con tanto di foto.
Sembra anche che i proprietari dei gatti in questione non si siano neanche stupiti più di tanto (come si vede dall'aria paciosa della signora nella foto) e attribuiscono lo strano fenomeno al caldo estivo e all'alto numero di gatte in calore che 'darebbero la caccia' agli esemplari alati, tutti maschi, che 'vorrebbero volare via dalle pretendenti troppo aggressive'.
Dalle prime notizie, dai primi sommari controlli sembrerebbe che le protuberanze al tatto morbide, contengano comunque materiale osseo.
E' ovvio che constatato lo stranissimo fenomeno, sia cominciata ora la caccia a scoprire le cause, tutte assolutamente poco convincenti: difetti genetici ? inusuale modo di pulirsi degli animali ? 'caratteristiche particolari del pelo ? Contaminazioni radioattive ?
Ah, chi può dirlo !
Del mito dei Gatti Alati se ne parla da molto tempo, storie di gatti con delle estensioni sulla schiena simili ad ali sono state narrate a lungo fin dal 1800.Esseri angelici o diabolici?Ci sono circa 128 casi di gatti alati segnalati, con circa 20 foto di questi strani animali, un video

TEORIE:

Alcuni zoologi hanno avanzato la teoria di un accoppiamento tra un gatto ed uno scoiattolo volante..teoria poco accredita.
La spiegazione razionale più accreditata per questi gatti alati invece e' una rara malattia genetica che si chiama Astenia Cutanea Felina(FCA), malattia simile anche nell'uomo ma con un altro nome e in altre specie animali come cani, cavalli, ovini, bovini che rende la pelle sul dorso dell'animale o dell'uomo estremamente elastica e cadente dando l'idea per l'appunto di possedere le ali.
Malattia che crea gravi problemi nei soggetti colpiti, perchè la pelle è molto delicata e se si rompe in seguito a traumi la cicatrizzazione è molto difficoltosa e sangue stagnante può causare infezioni talvolta mortali.
La pelle deformata dalla Astenia Cutanea Felina(FCA) è generalmente priva di ossa e cartilagini, quindi queste "finte" ali non possono essere "sbattute"dall'animale e certamente non possono permettere di volare all'animale, come nel folklore popolare, ma possono essere mosse leggermente dai muscoli del dorso e nulla più. 

Secondo la mitologia nordica la dea Freya possedeva un carro trainato da gatti alati, la dea donava la sua benevolenza a chi amava e rispettava i gatti.Una curiosità: Freya è uno dei nomi per gatte più diffusi al mondo
Un altra spiegazione è il pelo trascurato nei gatti a pelo lungo che si annoderebbe, formando delle escrescenze sul dorso dell'animale, che quando esso si muove dà l'impressione all'osservatore che esso sia dotato di ali.
Un ulteriore spiegazione e' la malformazione genetica in questi felini

Approfondimenti:

Il gatto alato è un fenomeno rarissimo in natura per cui a taluni felini crescono delle escrescenze sulla schiena simili a delle ali d' angelo.
La spiegazione del fenomeno è tutt' altro che mistica. Sebbene vedendo un gatto alato correre si ha l' impressione che esse sbattano come per spiccare il volo, le ali non contengono alcun muscolo, privando (ovviamente) l' animale della facoltà di volare.
Il motivo principale è l' elasticità della pelle, dovuta all' Astenia Cutanea Felina, sindrome che comporta una deformabilità sovrannaturale dell' epidermide per cui rigonfiamenti eccessivi si dispongono nel dorso del gatto conferendogli il paio di ali.
Ne esiste una versione che colpisce anche cani, cavalli, bovini, pecore e umani (per i quali essa assume il nome di Sindrome di Ehlers-Danlos, EDS).
Gli avvistamenti documentati di gatti alati sono 29, di cui l' ultimo pochi mesi fa in Cina. Questo però ha la peculiarità di contenere ossa all' interno delle sue ali. L' ipotesi più plausibile al riguardo è quella di una deformità congenita (praticamente due arti addizionali cresciuti sul dorso), la quale però non preclude all' animale una vita normale. Racconta la padrona che il micio abbia sviluppato e accresciuto le sue ali improvvisamente, nel solo giro di un meseIl punto debole di questa caratteristica è la fragilità della pelle del gatto: il rischio di lacerazione e infezione purtroppo è piuttosto alto

Cenni storici e vari avvistamenti dei gatti alati:

Da documenti top secret recentemente declassificati, ci sono vari dossier che contengono circa 138 rapporti conosciuti di segnalazioni di gatti alati, 28 delle quali sono casi documentati, cioè con evidenti prove fisiche. Ci sono inoltre 20 foto e almeno un video che comprovano tali casi eclatanti presenti nella zoologia misteriosa. Vediamone alcuni tra quelli più significativi.

Alcuni di tali rapporti iniziano dal giugno 1842, quando lo scritto di un certo Hanry David Thoreau riferisce che c'era un gatto alato in una delle fattorie di Lincoln presso il podere di Mr. Gillian Baker.

 

Nel numero di sabato 26 giugno 1897 del "High Peak News", nell'articolo intitolato "Extraordinary Capture at Winster: a tomcat with wings", veniva riportato la scoperta di un gatto alato nel distretto di Matlock, nel Derbyshire.

 

Nel numero di novembre del 1889 del "London's Strand Magazine" veniva riportato un articolo dal titolo "Can a cat fly?", con allegata una foto, dove si riferiva dell'esistenza di un gatto alato di proprietà di una signora che viveva a Wiveliscombe nel Somerset in Inghilterra.

 

La sig.ra Hughes Griffiths trovava un gatto alato bianco e nero nelle scuderie durante la serata del 9 giugno 1934 a Oxford in Inghilterra. Il gatto alato veniva poi catturato e trasportato al locale zoo di Oxford dal curatore dello zoo, signor W.E. Sawyer e dal direttore sig. Frank Owen. Veniva poi fotografato e misurato le dimensioni delle ali: erano lunghe ben 15 cm.

 

Nel 1936 un gatto alato veniva trovato su un terreno vicino Portpatrick nel Wigtownshire in Scozia. Le sue ali erano lunghe 15 cm e larghe 7,5 cm.

 

Nel 1939 un grosso gatto alato bianco e nero, di proprietà della sig.ra M. Roebuck di Attercliffe nello Sheffield in Inghilterra, veniva venduto al museo delle stranezze di Blackpool.

 

Durante la 2^ guerra mondiale un grande gatto alato bianco e nero veniva segnalato ad Ashford nel Middlesex; era di proprietà di una coppia di pensionati anziani.

 

Nel 1950 un gatto alato chiamato Sandy veniva segnalato a Sutton nel Nottinghamshire.

 

Nel giugno del 1949 nella Svezia settentrionale veniva segnalato un gatto alato, poi morto ucciso, dal peso di 9 kg, con ali lunghi ben 60 cm.

 

Nel maggio del 1950, a Madrid in Spagna, veniva segnalato su alcuni giornali della capitale l'esistenza di un gatto alato grigio di Angora di Juan Priego chiamato Angolina.

 

All'inizio del maggio 1959 un ragazzo 15enne, Douglas Shelton, catturò, mentre andava a caccia in collina, presso la cittadina di Pinesville di 700 abitanti, nel West Virginia, in USA, un gatto che chiamò Thomas, il quale aveva un paio di ali che quando si arrabbiava le agitava come un uccello. Comunque tale attributi non gli permetteva di volare. Un cronista del "Post Herald" di Beckley, West Virginia, Fern Miniacs, riferì che si trattava di una gatta, lunga 75 cm, con una coda simile a quello di uno scoiattolo, e due ali perfettamente formate. Le ali erano prive di ossa, comunque dovevano contenere per forza di cose una struttura cartilaginosa. Ogni ala era lunga 27 cm. Sembrava una gatta persiana, ed aveva un pelame lungo; aveva delle zampe un po' grosse, ed in generale la gatta appariva più grande di un gatto normale. Le ali erano pelose e morbide, ma in prossimità del corpo risultavano ruvide. Un visitatore rimasto anonimo e che dichiarò di essere un veterinario, il quale arrivò da Baltimora, Maryland, per studiare Thomas, dichiarò che, secondo lui, le ali dovevano essere o il risultato di Un'anomalia della natura o un tentativo di far spuntare le zampe o che doveva essere una forma di evoluzione della specie. La notizia di tale evento giunse fino a New York, dove Dave Garroway, presentatore del programma TV "Today" dell'NBC, invitò Thomas e il suo padrone che si presentarono davanti alle telecamere l' 8 giugno 1959. Comunque questa non fu l'unica segnalazione di gatti alati.

 

Nel giugno 1966 un grosso felino nero con ali terrorizzò il bestiame e gli animali domestici nella zona circostante la cittadina canadese di Alfred, nell'Ontario. Quell'anno l'Ontario subì un'ondata di avvistamenti di gatti alati. Ad uno avevano sparato nei pressi del villaggio di Lachute, 38 km a nord di Montreal e un altro era stato ucciso nei pressi di Ottawa. Secondo i numerosi testimoni, il gatto alato di Alfred riusciva a compiere balzi di 15 o 18 metri, ad ali spiegate, dopo aver preso lo slancio. Riusciva a restare ad una trentina di cm dal suolo. Alla fine venne ucciso con 5 pallottole.
I suoi resti furono visti da Terence Argall, della Polizia dell'Ontario, il quale dichiarò che dalla bocca sporgevano denti affilatissimi lunghi 1,5 cm e le ali avevano una lunghezza di 35 cm, pesava circa 4 kg.
Alla fine venne sepolto, per poi essere riesumato per essere spedito al laboratorio di veterinaria della Facoltà d'Agronomia di Kemptville, dove fu eseguita l'autopsia. Di essi più nient'altro ci è dato sapere.

 

Nel 1970 un certo signor J. A. Sandford di Wallingford nel Connecticut riferiva di aver visto un gatto con le ali nel giardino del vicino di casa.

 

Nel 1975 il "Manchester Evening News" pubblicava una fotografia di un gatto con le ali che era vissuto a Trafford Park, Manchester in Inghilterra, negli anni '60, presso Banister Walton & Co. Builder's yard. Le ali avevano una lunghezza di 29 cm. Secondo alcuni lavoratori di quell'impresa, tale gatto riusciva ad alzare le sue ali sopra il suo corpo.

 

Nel 1986 un altro gatto alato era stato notato e fotografato a Anglesey in Galles mentre muoveva le sue ali.

 

Nell'aprile del 1995 Martin Millner riferiva di aver notato un gatto alato a Backbarrow in Cumbria, Inghilterra.

 

Nel 1998 un gatto alato nero veniva trovato a Northwood nel Middlesex; le ali erano lunghe 21 cm, larghe 10,5 cm e spesse 2,6 cm.

 

master caffe

Moderatore e expert blogger di TamTamCaffe.com Cultura Divertimento Passione Condivisione


Sito web: www.tamtamcaffe.com
Aggiungi Commento
  • Nessun commento trovato

SEGUICI SU

Newsletter

Le migliori notizie della rete nella tua E-MAIL

Notizie

Nuova stangata del Governo Monti per il 2013 Nuova stangata del Governo Monti per il 2013 Come se l'IMU non fosse bastata viene fatto un nuovo regalo a gli Italiani
Arriva Note3 Neo - Samsung Note3 Neo Arriva Note3 Neo - Samsung Note3 Neo   Come al solito, la casa Samsung non si smentisce mai e non finisce mai di meravigliarci.
La vagina decorata: Vajazzling - (VIDEO e FOTO) La vagina decorata: Vajazzling - (VIDEO e FOTO) E' in arrivo una nuova moda del tutto frizzante e a dir poco bizzarra , si tratta del Vajazzling.Ossia...
Pink Floyd: tappe italiane 2013 Pink Floyd: tappe italiane 2013 Ci sono show che resistono all'usura del tempo.